Web Designer & Web Developer WordPress, SEO, HTML5, JQuery e molto altro. Piccoli articoli per grandi progetti!




Strategia Digitale oggi

Strategia Digitale

strategia digitale o meglio digital strategy

Oggi si parla molto di strategia digitale o meglio digital strategy, obiettivi chiari, comunicazione integrata e analisi dei risultati e molta creatività per essere competitivi e non scontati.

Ma spesso non si tiene in considerazione la nostra società, che cambia e muta cambiando le regole del gioco.
La digital strategy non è qualcosa che ha effetti solo online ma deve abbracciare tutta la tecnologia;
sapendo sempre molto bene usare i mezzi a disposizione, come la potente e sacra TV analogica oggi SmartTV regina assoluta sulla comunicazione diretta alle grandi masse;
l’importante è vedere il marketing nel suo complesso, fatto di punti di contatto online e offline, è integrarli al meglio,
alla base di tutto sempre la genialità del team.

Oggi e sempre più difficile captare l'esigenza del cliente e proporre la giusta strategia, se prima eravamo una novità ora e sempre tutto più veloce ed immediato, per essere competitivi secondo il mio modesto parere si deve instaurare un legame di fiducia.

Ad esempio nessuno si poteva immaginare che in questo mondo digitale, il vecchio vinile ritornasse in auge e che il formato MP3 che ha segnato una generazione è ufficialmente morto pur essendo una icona del digitale.

Nulla e mai certo tutto e mutabile, ma penso che questo faccia parte del gioco ;-)

 

 

Hermès digital strategy

Hermès ripensa alla sua strategia digitale!

Quando si parla di strategia digitale è sempre bene guardarsi attorno, anlizzare bene obiettivi e strumneti.
Ecco un esempio sulla moda.

“Il 2017 sarà per noi un anno di grandi cambiamenti dal punto di vista digitale”, ha dichiarato Axel Dumas, alla guida di Hermès, in occasione della presentazione dei risultati annuali. Dumas non ha comunicato cifre relative all’e-commerce della maison del lusso, ma ha rivelato che: “il tasso di crescita del sito è nettamente superiore alla crescita del fatturato globale dell’azienda”.

Di fatto, in occasione delle vendite natalizie, l’e-shop di Hermès si è aggiudicato il primo posto tra le boutique del gruppo per quanto riguarda la vendita a livello mondiale di cravatte. Come ricorda Dumas:

“Hermès è stata la prima griffe del gruppo ad aprire un e-commerce nel 2001, in particolare negli Stati Uniti. Siamo prima di tutto commercianti e volevamo debuttare direttamente con le vendite online, piuttosto che consacrarci a un sito istituzionale”.

Nel frattempo, il sito è invecchiato, mentre le nuove tecnologie avanzano velocemente.
“Concentrandoci su una grande qualità delle immagini, abbiamo accumulato del ritardo per quanto riguarda le applicazioni mobili”,
ha ammesso il patron della maison francese, che riconosce anche la scarsa chiarezza del sito attuale:

“Per comunicare meglio la magia di Hermès, avevamo deciso di fare un sito dove la gente si potesse perdere. Risultato: le persone si sono perse davvero!”.

Da qui, l’esigenza attuale del gruppo di rivedere profondamente la sua strategia digitale. È Wilfried Guerrand, già a capo delle calzature e del prêt-à-porter donna, che da un anno e mezzo si sta occupando del progetto. L’idea è di fondere l’e-commerce con il sito istituzionale. “Speriamo di lanciare il nuovo sito nel 2017, iniziando a fare dei test in un Paese di piccole dimensioni”, ha concluso Axel Dumas.

Di Dominique Muret Versione italiana di Laura Galbiati fonte: it.fashionnetwork.com

Per tutti coloro che non credono più nel web... Oggi è ancora più vivo!
Alla base di tutto, rinnovamento che avviene soltanto investendo in risorse umane... solo cosi si potrà fare la differenza...

 

Home