Interband 2016

La classifica Interbrand: Amazon, Nike e Louis Vuitton tra i migliori 100 marchi

Conoscere la classifica Interbrand 2016, ci serve per renderci consapevoli, noi amanti del web, Web Designer & Developer, come indirizzare il nostro lavoro, tra App, E-commerce, landing page ed altro.

Ma sopratutto per capire ed evolverci sulla base del mercato odierno, che è in continua evuluzione.
Conoscere quindi quello che gira tra il web e non solo e fondamentale:

Ancora una volta la classifica Interbrand dei marchi più importanti del mondo caratterizzato da una forte presenza di etichette di lusso, gli specialisti di vendita al dettaglio on-line e giganti di distribuzione di abbigliamento.

I primi 100 marchi nel 2016
Interbrand Amazon ha per esempio salito in ottava posizione, in particolare superando Disney e Facebook.
Per quanto riguarda la Nike, si siede al 18 ° posto, appena davanti a Louis Vuitton e H & M, mentre Gillette è il 24 e il 27 Zara. Un altro giocatore puro, eBay, è scivolato fino a 32 °, due posti davanti a etichetta francese Hermès.

Un altro classico marchio francese, L'Oréal, è rimasto nella top 50 da classifica 45 °, con Gucci nel 53 ° posto, davanti a Colgate in 55 ° e 60 ° in Adidas.
Cartier è a posto 62 °, seguita a una certa distanza da Tiffany & Co a 74 °. marchio di moda italiana Prada è 82 °, appena davanti a marchio britannico Burberry, 83a.

Per quanto riguarda Dior, è intervenuta in posizione 89 °, davanti a Ralph Lauren che ha tenuto a 98 °.
Tra i tratti comuni condivisi dai marchi in questo top 100 classifica, Interbrand menzionato l'aspetto esperienziale.

"Nel loro rapporto con una società, gli individui renderanno unico contatto in un paio di punti di contatto", ha spiegato l'agenzia."

La capacità di riconoscere e rispondere a queste esigenze, i contatti e le aspettative, da una interazione ad un altro, determina la qualità della customer experience.

La classifica Interbrand si basa su tre elementi:
la performance finanziaria di prodotti e servizi, l'influenza di un marchio ha nelle scelte dei consumatori, e la capacità di un marchio di sostenere un premio di prezzo e di garantire un flusso di entrate per la società.